Miele di Tarassaco, proprietà e benefici.


Miele di TarassacoAll’inizio della Primavera, soprattutto nel Nord Italia, viene prodotto il miele di Tarassaco, uno squisito nettare ricavato dalla pianta del Tarassaco, detto anche Dente di Leone, o, ancora più comunemente “soffione”, una pianta erbacea officinale, che fiorisce spontaneamente in zone pianeggianti e montuose proprio all’inizio della Primavera, colorando i prati del magnifico colore giallo del suo fiore che, finita la fioritura, si trasforma nel magico “soffione”.

Questa sua caratteristica “precoce”, lo rende un miele molto pregiato, in quanto le api , dopo lo svernamento, non hanno sempre la forza per iniziare il loro lavoro di impollinazione sui primi fiori, in alcune annate, infatti, se ne può trovare davvero molto poco sul mercato!

miele di tarassaco, proprietà e benefici

La pianta del Tarassaco ha moltissime possibilità di utilizzo, le foglie, simili alla rucola e chiamate anche “insalata matta”, possono essere consumate crude o cotte, hanno proprietà depurative e stimolano l’attività epatica, la radice è usata come diuretico e, i conoscitori esperti, raccogliendo il fiore nel momento giusto, usano passarlo in una gustosa pastella per poi trasformarli in FRITTELLE, io ho avuto la fortuna di assaggiarli e vi posso assicurare che , dopo tanti anni, ne ho un gustoso ricordo!

miele di Tarassaco
Foglie di Tarassaco

Va da sé immaginare quindi, quali preziose proprietà benefiche possa avere il miele prodotto da questa pianta, naturalmente è preferibile sceglierne uno prodotto localmente, biologico, magari da apicoltori conosciuti, in modo tale da essere sicuri della sua genuinità e origine.

Io mi servo ormai da tanti anni da un produttore che fa Apicoltura nomade, che prevede lo spostamento costante delle arnie durante il corso della stagione, in differenti luoghi dove avviene la fioritura delle varie specie di piante e fiori.

 

Caratteristiche del miele di Tarassaco

Il miele di Tarassaco si presenta con il tipico colore giallo vivo, una consistenza molto pastosa e cristallizza molto velocemente, con una grana molto fine che tende a formare una piacevole crema.

Questo miele ha un odore molto forte, pungente, penetrante, a volte considerato sgradevole, che contrasta con un sapore dolce, che ricorda l’infuso di camomilla e della vaniglia.

In cucina è ideale da solo o per accompagnarre formaggio piccanti, ma le sue caratteristiche lo rendono perfetto nelle cure depurative, diuretiche e disintossicanti, magari proprio in Primavera, con tisane che ci aiutino ad eliminare le tossine accumulate durante l’inverno, ( avete provato la mia Tisana con Mela, Zenzero e carota ?), combattendo la ritenzione idrica e, allo stesso tempo, ci permette di fare il pieno di vitamine e minerali, per combattere i radicali liberi e la stanchezza.

Il miele di Tarassaco, inoltre, è un ottimo aiuto per l’apparato digestivo e la regolarità intestinale, naturalmente parlo sempre del miele grezzo, cioè non sottoposto a infinite lavorazioni che ne fanno perdere le proprietà benefiche.

Insomma, non credo ci sia altro da aggiungere su questo prezioso “nettare degli Dei”,

solo il consiglio di assaggiarlo il prima possibile!

 

Saby

 

 

Precedente Frida Kahlo in mostra, "Oltre il mito". Successivo Una felice coppia di Cinciarelle. Il momento della cova.