Pesce di stagione in Primavera, cosa portare a tavola

pesce di stagione in primavera

 

Siamo generalmente portati a pensare in termini di stagionalità solo per quanto riguarda la frutta e la verdura,(se vi va, date un’occhiata al mio post su FRUTTA E VERDURA DI MARZO )ma anche il mercato ittico segue un ciclo ben preciso, che incide sia sul gusto che sul nostro portafoglio, poiché il pesce di stagione, cioè nel periodo in cui è più abbondante, può essere venduto ad un prezzo inferiore.

Per via delle fasi di crescita o delle migrazioni, infatti, la disponibilità di pesce varia a seconda del periodo dell’anno, per questo motivo le nostre scelte alimentari dovrebbero tener conto di queste variazioni e, inoltre, il consumo di pesce proveniente dai nostri mari, permette il taglio dei costi di trasporto, senza contare che i brevi viaggi aiutano a preservarne il gusto e la qualità.

Per alcune specie ittiche la pesca è addirittura vietata in determinati periodi, per consentirne la riproduzione, consumare pesce di stagione, quindi, consente la ripopolazione delle speci marine, permettendoci di preservare un bene prezioso come il Mare.

Oramai gli allevamenti intensivi ci permettono di trovare in ogni stagione pesci come orate, branzini, salmoni ecc, togliendoci un po’ della magia dell’acquisto del pesce ‘pescato’.

Ricordo quando ero bambina, al mare con i miei genitori, al martedì, sveglia all’alba per andare al mercato del pesce, ad aspettare il ritorno dei pescatori, con il carico di pescato fresco…ricordo gli odori…i colori…le sensazioni…la meraviglia negli occhi di una bambina che forse nemmeno si rendeva conto della fortuna che stava vivendo!

Per questo motivo, vale la pena non solo di preoccuparsi della provenienza e della freschezza, ma anche della stagionalità di ciò che stiamo per acquistare, questo ci permetterà non solo di variare la nostra alimentazione, ma di nutrirci in modo più sano e consapevole, garantendo, inoltre, un aiuto all’ecosistema marino!

Sarebbe, inoltre, buona norma informarsi sulle speci marine meno conosciute ma comunque gustosissime, io sono molto curiosa e mi sono messa a ricercare un po’, scoprendo curiosità e speci interessanti, come il Tombarello, una specie meno pregiata del Tonno ma molto simile nel gusto e nella consistenza della carne, squisito cucinato alla griglia o al cartoccio.

Il Pesce Castagna, che deve il suo nome alla forma del corpo che assomiglia ad una castagna, è simile all’Orata, tanto che in alcune regioni d’Italia è conosciuto come “orata bastarda”. Non è molto commercializzato, ma è ottimo cucinato al forno o al sale.

L’Aguglia, pesce azzurro, caratterizzato da un lungo corpo affusolato e un lungo ‘becco’, molto economico e squisito fritto o alla griglia.

Il Sugarello, pesce ‘dimenticato’ dall’ottimo sapore, da consumare fritto, alla griglia o all’acqua pazza, e altre speci di PESCE AZZURRO, presente in grosse quantità nel Mar Mediterraneo, varietà di pesce di piccola taglia e a ciclo breve di vita, quindi meno esposto ai metalli come il Mercurio e ricchissimo di Omega 3 e acidi grassi insaturi.

Consumare pesce di stagione, insomma, non pùò farci che bene!

 

Il mercato ittico, in primavera, ci offre una grande varietà di pesci, più o meno conosciuti, qui di seguito vi presento il calendario stagionale secondo l’ADOC, Associazione Difesa Orientamento Consumatori, che divide il pesce di stagione mese per mese,seguito da alcuni consigli per cucinarlo.

 

CALENDARIO DEL PESCE DI STAGIONE IN PRIMAVERA

Marzo

Nasello, acciuga, sogliola, triglia, alice, cefalo, cernia, dentice, gamberetto rosa, granchio, mazzancolla, pannocchia, pesce di San Pietro, rana pescatrice, razza, ricciola, rombo, sarago, scampo, scorfano, seppia, sgombro, tonno rosso, vongola verace.

Aprile

Acciuga, cefalo, dentice, nasello, pesce spada, sardina, sogliola, sgombro, tonno, triglia, alice, aragosta, cernia, gamberetto rosa, granchio, mazzancolla, pesce di San Pietro, rana pescatrice, razza, ricciola, sarago, scampo, scorfano, seppia, spigola, totano.

Maggio

Acciuga, cefalo, dentice, nasello, pesce spada, sardina, sogliola, tonno, spigola, aragosta, cernia, gamberetto rosa, granchio, rana pescatrice, razza, ricciola, sarago, scampo, sgombro, totano, triglia.

 

Come cucinare il Pesce di Stagione.

 

-La RICCIOLA è un pesce di grandi dimensioni, saporitissima, si presta a diversi tipi di cottura. L’ideale è cucinarla al vapore o al forno o alla griglia.

-Il PESCE S. PIETRO, pesce dalle eccellenti carni magre, sode e quasi privo di spine, perfetto al forno, alla griglia, in filetti ottimo gratinato o in padella alla mediterranea.

-La SOGLIOLA, pesce che richiede cotture rapide , ottimo nella classica ricetta alla mugniai, apprezzatissimo gratinato al forno.

-Lo SCORFANO, dalle carne saporitissime, conosciuto come essenziale ingrediente nelle zuppe di pesce e nel caciucco alla livornese, è ottimo anche come sugo per la pasta o, in filetti, gratinato al forno con una croccante copertura di patate.

-Il ROMBO, con la sua carne soda che richiama quella della ‘carne’, perfetto da cucinare intero, al forno con le patate, o al cartoccio.

-La RANA PESCATRICE, con le sue carni magre e delicate è semplicissima da pulire, perfetta in padella con i pomodorini, e come sugo per la pasta.

Per il momento mi fermo qui, ma se questa mia ricerca vi ha incuriosito, aspettatemi per i prossimi post sulle curiosità, cotture e ricette con i pesci di stagione.

 

Vi aspetto sempre qui…

A Casa di Saby

 

 

Precedente Frutta e verdura di stagione a Marzo Successivo Frida Kahlo in mostra, "Oltre il mito".